PUSH

Friday, 3 August 2012 -

Prodotto dal Sadler’s Wells in collaborazione con Russell Maliphant e Sylvie Guillem

Sylvie Guillem, Leone d’oro alla carriera dell’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea (Venezia, 8 - 24 giugno 2012), è considerata la “più grande ballerina della sua generazione” – THE GUARDIAN, Londra

Russell Maliphant “Un coreografo di grande talento e un interprete affascinante… ipnotizzante.” THE TIMES, Londra

La serata presenta due balletti appositamente creati per questo programma: Push un passo a due che unisce le abilità di questi straordinari interpreti a una partitura originale di Andy Cowton e Solo interpretato da Sylvie Guillem su musica di Carlos Montoya. La serata presenta anche Shift - un assolo di Russell Maliphant e Two, interpretato rispettivamente da Russell Maliphant e Sylvie Guillem.

Le luci di Michael Hulls – collaboratore di lungo tempo di Russell Maliphant – conferiscono a questi quattro balletti l’equilibrio tra energia, movimento e luce.

Sublime interprete di tutti i ruoli principali del repertorio classico, Sylvie Guillem, indiscusso talento mondiale della danza, nominata étoile a soli 19 anni da Rudolf Nureyev, è stata, dai primi anni della sua carriera, musa ispiratrice per numerosi coreografi di grande fama quali William Forsythe, Mats Ek e Maurice Béjart. Parallelamente alle sue interpretazioni classiche, l’artista ha riscosso ampi riconoscimenti danzando coreografie contemporanee, oltre che con l’Opéra de Paris, presso la quale si è formata, con il Royal Ballet, l’American Ballet Theatre e il Kirov Ballet, mostrando la completezza delle proprie capacità artistiche. A partire dal 2003 la Guillem si è concentrata sulla danza contemporanea e dalle collaborazioni con gli artisti Russell Maliphant, Akram Khan e Robert Lepage sono nate le coreografie di Broken Fall, Push, Sacred Monsters e Eonnagata.

Sylvie Guillem è famosa per la sua superba presenza in palcoscenico, ma ciò che forse la caratterizza essenzialmente come ballerina non sono i suoi attributi più evidenti – il suo fisico fuori dal normale, la potenza e l‘agilità del suo corpo, le sue gambe lunghe fini e muscolose che si spiegano fino a 180° - no, si tratta piuttosto del suo appetito vorace per le sfide. E‘ incapace di ritirarsi, di fermarsi, di accontentarsi del tran-tran, di rivisitare terreni conosciuti. Sylvie Guillem esige di essere provocata al massimo.

Quando la Guillem ha lasciato l‘Opéra de Paris, dall‘altra parte della Manica un altro ballerino di talento si era appena licenziato. Russell Maliphant ha lasciato il Royal Ballet del Sadler‘s Wells nel 1988 per esplorare nuovi mondi del movimento. Ha lavorato quindi con vari coreografi sperimentali quali Laurie Booth, Rosemary Butcher e Lloyd Newson del DV8 Physical Theatre. Solo pochi anni dopo aver conosciuto la capoeira e la contact improvisation, Maliphant si è avventurato un po‘ più in là e ha osato con delle creazioni personali.

La Versiliana Festival

Viale Morin, 6

Marina di Pietrasanta  (LU)

@ Pier Luca Mori 2018

C.F. MROPLC63H25G628D
Camaiore, Lucca (Italy)