I Monumenti di Camaiore

Camaiore, la antica "Campus Maior".

Camaiore è una delle cittadine più antiche della zona.
Fu edificata nel 1255 laddove esisteva un antico villaggio abitato.
Del suo ricco passato se ne conservano molte tracce quasi tutte raggruppate nel centro storico.
Da ammirare in Piazza San Bernardino da Siena, la Chiesa della Collegiata, edificata nel 1278 che con la sua facciata ci riconduce alle forme romaniche, pregevole è il piccolo rosone a dieci braccia. L'annessa Torre campanaria costruita nel 1365, si affianca alla navata di sinistra ed è sormontata da una piccola cupola. L'interno è diviso in tre navate con altari laterali, da notare un organo del Cinquecento, uno dei più antichi della Toscana, l'altare maggiore decorato con formelle opera di Giovan Battista Stagi nel 1659, un crocifisso ligneo del Trecento situato nel terzo altare sinistro, una Madonna del Carmine dipinta dal Marracci su tela situata nella navata destra e in quella di sinistra una pala del Dandini (XVII secolo) rappresentante l'Ultima Cena. In una navata è ricavato il Battistero dove si conserva un sarcofago romano adattato a fonte battesimale.
Un esempio di arte romanica del XII secolo è la chiesa di San Michele ricostruita come nell'originale dopo essere stata distrutta nel 1944.
In Piazza Diaz, presso la Confraternita del Santissimo Sacramento, vi è il Museo d'Arte Sacra, dove si conservano innumerevoli reperti fiamminghi e toscani dal Quattrocento in poi.
A poca distanza dal centro storico non possiamo tralasciare di visitare la "Badia", chiesa romanica edificata intorno all'anno Mille sui resti di un convento benedettino dell'VIII secolo. Accanto alla facciata si possono notare i resti delle antiche mura merlate del XIII secolo. L'interno è diviso in tre navate da pilastri squadrati ed archi; su alcune colonne sono rimaste tracce di affreschi di scuola giottesca.
In località Pieve, nei pressi di Camaiore troviamo una delle chiese più antiche della Versilia fondata nell'840. La facciata presenta una lunetta sormontante un portale del Quattrocento ed una finestra bifora. L'interno sostanzialmente inalterato e diviso in tre navate, è completato da un presbiterio rialzato e un'abside ornata da tre monofore.
Per chi fosse interessato a particolari forme artistiche, segnaliamo i locali festeggiamenti per il Corpus Domini. Infatti il selciato del centro storico viene per l'occasione ricoperto da composizioni a soggetto prevalentemente religioso, disegnate con la "pula", (segatura colorata) e destinate ad essere calpestate e distrutte dalla processione.

La pieve dei Santi Stefano e Giovanni.
Situata alla periferia di Camaiore, in località Pieve, questa pieve romanica è raggiungibile tramite una scalinata.
La piccola chiesa campestre, una delle più antiche della Versilia, fu fondata nell'810 dal longobardo Adalberto. Della struttura originaria rimangono ancora frammenti nella facciata e il muro della navata sinistra. La facciata presenta una lunetta sormontante un portale del Quattrocento ed una finestra bifora.
L'interno, a tre navate con archi a tutto sesto, è in stile romanico e non è stato sostanzialmente modificato nel tempo. Il presbiterio sopraelevato e l'abside, con i suoi tre monofori, sono di particolare interesse. C'è il prezioso trittico di Battista da Pisa, realizzato nel 1443, raffigurante la Madonna in Trono col Bambino, Santi e Vescovi.
Un sarcofago romano del 3 ° secolo fu riadattato nel periodo medievale ad un fonte battesimale.

Chiesa di Santa Maria Assunta
La chiesa, i cui reperti si trovano nella Stima diocesana del 1260, fu ricostruita tra il XIII e il XIV secolo.
Originariamente con absidi, conserva ancora la facciata con le sue pietre squadrate e la finestra sormontata da una croce greca traforata.
La data MCCCL (1350) è ancora leggibile alla base della prima navata della facciata.
Sul lato destro c'è una porta chiusa per i "catecumeni" e una porta aperta per i "fondesi" (coloro che hanno offerto donazioni per un fondo ecclesiastico).
Il campanile fu costruito nello stesso periodo della chiesa, mentre la cupola fu aggiunta più tardi nel 1450.

Arco del Rivellino.
Un affresco raffigurante Maria e Gesù bambino tra San Benedetto e San Rocco, risalente al XVII secolo, dipinto su un precedente affresco risalente al XV secolo.

E' stato restaurato due volte, nel 1704 e nel 1865.
Delle quattro porte originali del castello di Camaiore, costruito nel 1374, questo è l'unico che esiste ancora. L'accesso era preceduto da un ponte levatoio. Vi si può notare lo stemma di Camaiore e della famiglia Di Poggio.
Sopra c'è un bassorilievo di San Pietro con un monogramma del nome di Gesù (1732).

Arco Rivellino
@ Pier Luca Mori 2018

C.F. MROPLC63H25G628D
Camaiore, Lucca (Italy)