L'Oratorio di S. Giacinto

Il "Battistero".

Alla destra del Duomo di San Martino di Pietrasanta, troviamo la facciata barocca del seicentesco oratorio di S. Giacinto, comunemente detto Battistero.
All'interno si trova un fonte battesimale opera degli scultori Donato Benti, Fabrizio d'Agostino Pelliccia e Orazio di Francesco Bergamini nel XVII secolo ed un fonte battesimale ad immersione eseguito da Bonuccio Pardini nel 1389.
Il battistero era anticamente un oratorio dedicato a San Giacinto, eretto dalla Compagnia del Santissimo Sacramento.
Venne trasformato in battistero e completamente rinnovato nel 1786, quando il Granduca Pietro Leopoldo soppresse le confraternite e le compagnie religiose.
Il carrarino Giuseppe Maria Castepoggi scolpì un nuovo altare, la balaustra e le acquasantiere. Al suo interno conserva due fonti battesimali, uno del XIV secolo di Bonuccio Pardini di Pietrasanta, esagonale a vasca, con bassorilievi su ogni lati e l’altro del XVI-XVII, a tabernacolo, opera di più artisti, tra cui Donato Benti, autore della vasca con fregio marino e Orazio Bergamini, autore della copertura a tempietto.
La volta e le pareti sono decorate con scene della Vita di Cristo e di Maria dal pittore cremonese Pietro Cavatorta, restaurate nel 1988.
La pala sull'altare raffigurante l'Esaltazione dell'Eucarestia è del massese Luca Martelli, del XVI secolo.

@ Pier Luca Mori 2018

C.F. MROPLC63H25G628D
Camaiore, Lucca (Italy)