Storia ed Origini di Forte dei Marmi

Il nome della città è sufficiente a farci capire quali siano state le sue origini. Forte dei Marmi sorge, infatti, dove finiva la strada fatta costruire per volere di Michelangelo Buonarroti, attraverso la quale trasportava i marmi provenienti dalle Apuane.

La prima costruzione, della quale si abbia notizia, è appunto il "Magazzino dei marmi" voluto da Cosimo dei Medici nel 1618 e ancora oggi parzialmente visibile sulla Strada Provinciale.
Intorno a questa prima costruzione nacque ben presto un piccolo borgo di pescatori e naviganti che assunse dimensioni maggiori quando, a piccoli passi, fu bonificata la campagna circostante e fu eretta una costruzione fortificata che indusse molti nuclei a spingersi verso la costa divenuta più vivibile e sicura.

Si svilupparono progressivamente numerose attività tra cui quella della cantieristica che si affiancò a quella dei carratori che trasportavano i marmi all'imbarco.

Solo nell'800, i nobili toscani, scoprirono Forte dei Marmi come località turistica e contribuirono così alla nascita dei primi stabilimenti balneari, che in futuro, costituirono la principale attività cittadina.

A poco a poco si crearono le condizioni perché la città si staccasse da Pietrasanta, dalla quale dipendeva, e divenisse Comune autonomo nel 1914. Da allora, nonostante innumerevoli difficoltà, tra cui la Seconda Guerra Mondiale, quando vi si fermò la "Linea Gotica", la città sviluppò la propria vocazione turistica divenendo l'importante centro che tutti conosciamo e raggiungendo il suo massimo splendore negli anni 60 allorché fu eletta quale dimora estiva delle più prestigiose famiglie italiane che eressero le loro ville nella pineta di Roma Imperiale.

@ Pier Luca Mori 2018

C.F. MROPLC63H25G628D
Camaiore, Lucca (Italy)