Promozioni

dal 01/08/2017 al 31/08/2017

Hotel Club I Pini - Residenza D'Epoca

OFFERTA SPECIALE AGOSTO

Italiano English Deutsch

La Buca della Gigia.

La Buca della Gigia e le origini della Versilia.

Le origini della VersiliaLa Buca della Gigia si trova a Valdicastello in località Pieve di San Giovanni e Santa Felicita, Lat. 43° 57'04'' N Long. 2° 12'19'' E Q.45 L 16 0.3.

Per raggiungerla si percorre la strada di Valdicastello fin dopo la Pieve quando la piccola discesa che si presenta dopo la prima salita è giunta al suo termine, da qui a sinistra con un dislivello verso l'alto di 12 metri troviamo la Buca della Gigia.
Frammenti di cranioLa grotta si presenta come una modesta cavità formata da due stanze collegate da una fenditura orizzontale. Durante le prime escavazioni compiute sotto la guida del Prof. Antonucci nel 1963 sono stati ritrovati frammenti di ossa e diversi frustoli di carbone.
Il 2 Maggio 1964 sono stati trovati altri frammenti di ossa incluse molto fossilizzate, un frammento di ceramica molto primitiva, un dente aguzzo ed un frammento di falange.
Il 16 Maggio 1964 avvenne il ritrovamento di altri frammenti di ossa tra cui due falangette umane ed una parte di mandibola di felino. Lame in selceDurante le successive escavazioni compiute nello stesso anno sono state ritrovati un grosso frammento di osso lungo più altri frammenti piccoli.
Negli scavi del 26 Novembre 1974 vengono alla luce discreti frammenti di ceramica medioevale e il 6 Marzo 1975 oltre che a varie ossa animali due discreti frammenti di cranio ed un coltellino di selce del Paleolitico Superiore (coltellino di selce grigio scura semitrasparente lavorato su una sola faccia a bordi molto taglienti e finemente ritoccati).
Vaso eneoliticoNel 1981 sono stati ritrovati altri frammenti di ossa animali ed un vaso eneolitico, dentro la terra che riempiva il vaso era presente un frammento di teschio umano. Il vaso è tronco-conico, quasi cilindrico con due prese a bugnette doppie recanti un foro contro parete. La superficie esterna porta numerosissime righe a pettine in varie direzioni.

Tratto da: Bruno Antonucci, i suoi taccuini. Scoperte archeologiche in Versilia 1961 - 1991. Edito dalla Banca di Credito Cooperativo della Versilia. Autore Deborah Giannessi. Tipografia Graficatre, Ripa di Seravezza, Ottobre 2000.